Ovvero delle Famiglie Nobili e titolate del Napolitano, ascritte ai Sedili di Napoli, al Libro d'Oro Napolitano, appartenenti alle Piazze delle città del Napolitano dichiarate chiuse, all'Elenco Regionale Napolitano o che abbiano avuto un ruolo nelle vicende del Sud Italia.   

 

Armi:
dei Piscicelli: di rosso alla banda cuneata d’oro e d’azzurro (girello), accostata nel capo da un lambello d’oro a tre pendenti.
dei Capece Piscicelli: partito, nel 1° di nero al leone d’oro (Capece); nel 2° di rosso alla banda cuneata d’oro e d’azzurro(girello), accostata nel capo da un lambello d’oro a tre pendenti (Piscicelli)
Dimora: Napoli

© Foto proprietà www.nobili-napoletani.it (CH.D.c.)
© Napoli - Stemma Famiglia Piscicelli

Le origini della nobilissima famiglia napoletana Piscicelli o Capece Piscicelli si perdono nella notte dei tempi; godette di grande nobiltà a Napoli nel Seggio di Capuana e, dopo l’abolizione dei sedili (1800), fu iscritta nel Libro d’Oro napoletano.
Dai Piscicelli derivano le famiglie Zurlo e Aprano che dimoravano nel quartiere dei Capece sito nel Seggio di Capuana e innalzavano le stesse insegne senza il lambello.
Il capostipite della famiglia Zurlo fu Giovanni Piscicelli detto Zurlo († 30.9.1381), figlio di BERARDO Piscicelli e Giovanna Caracciolo.
Il capostipite della famiglia Aprano fu Marino Piscicelli detto Aprano (†15.7.1323).

I Piscicelli si aggregarono al Monte dei Capece istituito nel 1584 e per goderne dei benefici anteposero il cognome Capece al proprio, inquartando anche le armi.
Dante Alighieri, volle nominare alcune delle più nobili famiglie d’Italia e scrisse: “…e questa è l’una questione, l’altra è, che potrebbe dire dè Sannazzari di Pavia, e quella dè PISCICELLI di NAPOLI, che sono e gli uni, e gli altri nobilissimi nelle loro patrie…”
Il primo personaggio che si incontra negli scritti è LEODORO Piscicelli, generale della cavalleria dell’imperatore Basilio il Magno nell’anno 977.
LEONE e CESARIO, ai tempi di re Ruggiero I detto il Normanno, misero in mostra tutto il loro valore militare combattendo contro i Saraceni.
RICCARDO fu Consigliere e capitano dell’esercito di re Guglielmo II detto il Buono.
NICCOLO’ nel 1182 fu arcivescovo di Salerno.
GIACOMO fu maggiordomo del palazzo imperiale di Enrico VI di Svevia.
Nel 1272 tre cavalieri e baroni tutti di nome GIOVANNI seguirono re Carlo I d'Angiò nell’impresa di Romania
.
ALBERICO fu familiare e cameriere di re Carlo I d’Angiò; fu nominato barone di Grotteria ed ebbe in dono le terre di Cinquefrondi e di Mossuto.
Marella Piscicelli è tra le dame della  sfarzosa corte  di Roberto II d’Angiò, che Boccaccio, innamoratosi  di Maria d’Aquino, che si disse fosse stata figlia naturale di Re Roberto,  fece partecipare  alla caccia  allegorica, insieme, tra le altre, a Zizzola Barrile, Principessella, Lariella e Marella Caracciolo, Letizia Mormile,  Caterina, Serella e Vannella Brancaccio,  Sobilia Capece,  Zizzola d’Alagna,  Beritola e Biancola Carafa, Vannella Bulcano, Giovannola Coppola, Alessandra e Covella d’Anna,  Berita e Costanza Galeota,  Peronella e Covella d’Arco, Tuccella Sersale, tutte citate con i loro nomi nel poemetto in terzine dantesche
.
PIETRO, chiamato Urtante, fu sindaco di Napoli e Vicario generale dello Stato di Filippo, principe di Taranto e figlio di re Carlo I; fu nomato da re Carlo II Giustiziere (supremo giudice) di tutti gli studenti di Napoli.
TOMMASO († 7.12.1334), Signore di Monte Millolo, del Sasso e di Asprano, per aver valorosamente combattuto nella guerra di Sicilia sotto le insegne di Roberto, duca di Calabria e figlio di re Carlo II, nel 1304 fu nominato Vicario generale dello Stato di Salerno. Successivamente seguì re Roberto II d’Angiò nella guerra in Provenza e infine fu nominato Vicerè e capitano di guerra della Provincia di Abruzzo Citra.
TOMMASO, detto Nasello, fu comandante di 100 cavalieri, eletti a guardia personale della regina Giovanna I d’Angiò; in questo periodo tutti i rappresentanti di Casa Piscicelli erano cavalieri dell'Ordine del Nodo.
GIULIANO, fedele vassallo e coraggioso capitano, nel 1382 ebbe in dono da re Carlo III di Durazzo una rendita annua di 20 once d’oro da prendere sulle collette della Terra di Gragnano.
MALEFATTO, ai tempi di re Ladislao di Durazzo, fu cavaliere gerosolimitano del Priorato di Capua.

© Foto proprietà www.napoli-napoletani.it
© Capua - particolare palazzo del Gran Guardia

PISCICELLA, moglie di Giovanni Lagni Signore di Sicignano, per la relazione amorosa col re Ferrante I d’Aragona, dalla quale nacquero due figli naturali: Cesare e Alfonso, ebbe in dono le Terre di S. Angelo, Limosano e Civitavecchia, tutte in Contado di Molise.
GIOVANNI, fratello di Nicolò († 1471) arcivescovo di Salerno, Signore di Sant’Angelo e di Rocca Piemonte,  partecipò con grande maestria alla battaglia di Sarno (1460) e fu nominato Capitano di gente d’Arme; sposò Vannella Acciapaccia.
I Piscicelli furono fedeli a re Ferrante I d’Aragona durante la Congiura dei baroni nel 1485.
SCIPIONE, valoroso milite, combattè sotto le insegne dell’imperatore Carlo V d'Asburgo-Spagna contro i Turchi; nel sposò 1535 Cicella Dentice.
ALFONSO, uomo di grande cultura, fu accademico dei Sereni, comprò il feudo di Grottaglie, Lucito e Calcabottaccio; sposò Adriana Tomacelli.
GIOVANNI FRANCESCO († 1580), barone di Lucito e Calcabottaccio, sposò nel 1570 Adriana Muscettola.
GIOVANNI VINCENZO nel 1601 fu uno dei fondatori del Pio Monte della Misericordia.

© Foto proprietà www.nobili-napoletani.it
© Napoli -Targa in memoria di don Giovanni Vincenzo Piscicelli, uno dei fondatori del
Pio Monte della Misericordia

FELICE MARIA Piscicelli (1610 † Napoli,1700) sposò a Napoli  nel 1627  Fabio Ricca,  duca di Apollosa, dal quale ereditò beni e titolo.
MARIO (Napoli, 1649 † ivi,1685), duca di Apollosa dal 1679, sposò a Napoli nel 1682 Andreana Brancaccio.
Il titolo di duca di Apollosa passò in Casa Guindazzo, per successione a seguito di matrimonio celebrato nel 1673 tra MADDALENA (Napoli, 1645† Pomigliano d’Atella,1713) duchessa di Apollosa dal 1685 e  Tommaso Guindazzo duca di Recigliano.
BERARDINO, barone di Lucito, nel 1651 restaurò la cappella gentilizia dei Piscicelli di Santa Restituta nel Duomo di Napoli.
ANDREA GIUSEPPE (Napoli, 1646 ?) nel 1674 fu insignito del titolo di duca di Capracotta.
GIACOMO (1650 1711), duca di Capracotta, sposò a Napoli nel 1695 Francesca Filangieri.
GIUSEPPE (Massa di Somma, 1696
1755), duca di Capracotta, sposò a Napoli nel 1726 Beatrice Sanfelice dei Signori di Acquavella.
GIACOMO (Massa di Somma,1727 ivi, 1777),  duca di Capracotta, sposò a Napoli nel 1756 Maria Anna Capece Zurlo, figlia del principe Giovanni Antonio e di Teresa di Capua dei duchi di San Cipriano.
Il titolo di duca di Capracotta passò in casa Piromallo a seguito di matrimonio celebrato nel 1804 tra la duchessa Beatrice Piscicelli (1781 † 1859) e Giacomo Piromallo.
I
l ramo dei Piscicelli che si trasferì a Sessa Aurunca intorno al XV secolo si estinse nel 1726 a seguito di matrimonio tra Giulia Capece Piscicelli, ultima rappresentante del Casato, con Francesco de Vito.

 

Famiglia Capece Minutolo  Famiglia Capece Zurlo


Continua sul terzo volume in preparazione di "LA STORIA DIETRO GLI SCUDI"

Copyright © 2007 www.nobili-napoletani.it - All rights reserved 
 

*******************

  Elenco Famiglie nobili - dalla A alla B Elenco Famiglie nobili - lettera C

STORIA DELLE FAMIGLIE NOBILI:

Elenco Famiglie Nobili - dalla Lettera D alla lettera H Elenco Famiglie nobili - dalla I alla N
  Elenco Famiglie nobili - dalla O alla R Elenco Famiglie nobili - dalla S alla Z

*******************

Cosa dicono i quotidiani Pubblicazione libri Eventi